Vini Liguri DOC

I vini liguri vantano una tradizione millenaria, che comincia con i Greci, continua con i Romani e – attraversando i secoli – arriva fino ai giorni nostri. Con 5.000 ettari vitati su un totale di poco più di 5.000 km2, la Liguria è una delle regioni vitivinicole più piccole.

Vini del Levante Ligure

Percorrendo la regione da oriente verso occidente, nel Levante, si trovano 4 delle 8 DOC liguri: Golfo del Tigullio-Portofino o Portofino DOC, Colline di Levanto DOC, Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà DOC e Colli di Luni DOC. I vitigni principali qui coltivati sono Albarola, Bianchetta genovese, Vermentino, Ciliegiolo, Dolcetto, Moscato bianco e bosco. Vermentino, Bosco e Albarola sono alla base del Cinque Terre DOC e del raro passito Sciacchetrà, prodotto in quantità limitatissima. Il nome dello Sciacchetrà ha origine dal dialetto ligure, ed è formato dai termini “sciac”, che vuol dire “schiacciare”, e “trà”, che significa “trarre”, forse in riferimento alla pigiatura dell’uva e all’eliminazione delle vinacce.

Valpolcevera

Nella provincia di Genova troviamo la DOC Valpolcevera. I vitigni principali sono qui Ciliegiolo, Sangiovese, Vermentino, Bianchetta genovese, Albarola e Dolcetto con cui si producono vini rossi, rosati e bianchi nelle tipologie fermo, frizzante, spumante, novello e passito.

Vini del Ponente Ligure

Nella zona del Ponente ligure troviamo le ultime 3 DOC della regione: Riviera Ligure di Ponente DOC, Pornassio o Ormeasco di Pornassio DOC e Rossese di Dolceacqua DOC. I vitigni più importanti in questa parte della regione sono Rossese, Moscato bianco, Alicante, Pigato, Vermentino e Dolcetto. A Quiliano, nel savonese, è particolarmente diffuso il vitigno Granaccia, probabilmente originario della Francia, dove è noto come Grenache.